dialetto formiano

Il dialetto formiano, come la stragrande maggioranza dei dialetti, viene parlato sempre meno.

Eppure, queste lingue possono essere considerate il dna delle nostre comunità: ci dicono chi siamo, da dove veniamo, con chi abbiamo avuto a che fare negli anni e nel tempo.

Il dialetto formiano (potremmo addirittura parlare di dialetti formiani, se considerassimo i borghi) è una lingua vera e propria.

Abbiamo pensato di proporvi alcune parole del nostro dialetto con accanto il significato in italiano. Quante ne hai indovinate?

Fùgnere – morbido      Uòttegle – rospo

Ramegna – gramiglia      Uòsche – Bosco

Nzùrète – maritata      Rumasùglie – rimanenza

Le Ganasce – le mascelle      Cunzùrine – cugino

Vergnène – melanzane      Zampacòne – testardo

Futarette – federe      Frosele – narici

Uòsse pazziglie – malleolo      Zampère – zanzare

Sulleccole – carrube      Abbelète – sepolto

Vachele – chicchi      Cercula – quercia

Cavatùra – calcinacci      Capiciòccola – teschio

Zaffùrrèca – ago gigante      Arrùtelle – ditale

Gliu Ruàgne – vaso da notte      Pecagne – bambini

Condividi: